Un Po di Musica, serata inaugurale

Scritto 10 anni fa

Anche se un po’ in ritardo metto il link alle foto della serata inaugurale del progetto”istituzionale” (Assessorato Turismo della Regione Emilia Romagna + le varie province interessate) “Un Po’ di Musica“, che si e’ aperto in quel di Boretto sabato 31 maggio.

View Larger Map

Molto brevemente, a parte la netta prevalenza dei tramonti, le foto scandiscono un po’ tutti i momenti della serata, in compagnia della “maestosa” piena del fiume Po (in fondo al Post la comparazione tra quella sera e la serata dopo), che e’ partita con un buffet privèe sulla motonave stradivari, gentilmente offerto dalla Regione (grazie).

La serata era condotta da un Red Ronnie piu’ cineoperatore che mai (in background in alcune foto del concerto) e il leit-motiv musicale e’ stato il territorio, i canti di lavoro popolari rievocati dal Maestro Sparagna con la sua orchestra della Taranta.

Bravi, bravi, bravi. Se ci fosse stata mia madre sarebbe svenuta, noi abbiamo ascoltato semplicemente a bocca aperta :O

Special guest, Cristina Dona’, Moni Ovadia, Cristicchi. Una canzone per uno, interpretata con cuore (e gambe per Cristicchi che balzottava qua e la’ sul palco 🙂

Un’apertura abbastanza incazzata (politicamente) dei Modena City Ramblers che, a discapito dei recenti risultati elettorali, come si dice in gergo gattofilo “hanno segnato subito il territorio”… non so se mi spiego …

Commoventi, a dire poco, gli spezzoni audio dei film epici “Don Camillo e Peppone”. Tra l’altro quest’anno e’ il centenario della nascita di Giovannino Guareschi e, la prossima serata di Musica proprio a Brescello, giovedì 12, e’ tutta per lui! Auguri!

Chiusura con fuochi d’artificio, per non farci mancare niente…

Infine, una segnalazione doverosa per il contrabbassista dell’orchestra che con un assolo durante un pezzo ci ha cappottati tutti, talmente cappottati che pensavo di farci un filmatino invece stavo semplicemente in piedi con la macchina fotografica accesa 🙁


Il nome devo assolutamente recuperarlo, dopo breve ricerca puo’ essere Claudio di Trapani, ma non sono sicuro.
—–
Update dopo risposta via mail direttamente dal Maestro Ambrogio Sparagna: il contrabbassista si chiama Alessandro Gruja.
—–
Non c’era “Troppa” gente, ma sicuramente perche’ il tutto e’ stato organizzato un po’ last-minute. Penso che sia stata una bella iniziativa, ma solo se e’ la prima di una lunga serie, potrebbe diventare un appuntamento fisso pre-estivo col quale dare vita al Grande Fiume un po’ sacrificato rispetto alla preferenza che il Turismo sta avendo nei confronti della Montagna … non so se mi spiego …

Situazione del livello 31 maggio

Situazione la sera dopo
OOopps! :O