I prodotti e le idee che ci hanno clonato e spunti da copiare

Scritto 10 anni fa


2001 (anno più anno meno):

Dai laboratori di Acetaia San Giacomo e Montecurto nasce la prima Gelatina di Balsamico della storia.

2003 circa: iniziano ad arrivare le prime copie. (e potremmo pure dire che tutta l’ondata di “Glasse” è partita da qui)

2003 (anno più anno meno):

Dalle menti malate dell’Acetaia San Giacomo e dalle mani di Giacomo Boidi, alias Giraudi, nascono i Cioccolatini alla Gelatina di Balsamico

Solo uno, il sig. Malpighi, aveva fatto cioccolatini con Balsamico prima, ma il concetto era diverso. Noi una gelatina in purezza, loro la “goccia” liquida.

Hanno subito un buon successo. Mi chiamano dalla Nestlè, Nespresso per l’esattezza, perche’ interessati per un eventuale abbinamento ai caffè.

Prima di partire per Losanna, sede di Nespresso, vado da un’avvocata a Bologna esperta in brevetti, marchi e diritto industriale. Niente da fare, l’ “idea” non è tutelabile. Vabbe’, in ogni caso alla Nespresso non li volevano perchè costavano troppo (quando ho sentito il loro target di prezzo mi sarei alzato senza farglieli nemmeno assaggiare).

200equalcosa: diversi “Cioccolatini alla gelatina o crema di Balsamico” escono sul mercato.

2005: dalla mia mente malata parte il progetto “Adotta una Batteria!“.


Il progetto ha un ottimo successo. In un paio d’anni lo spazio disponibile si esaurisce e gli “adottanti” vengono anche da oltre oceano.

2008/09: l’idea, mai vista prima, viene pedissequamente copiata dal progetto “Banca Aceto“.

Una rapida occhiata ed analisi al contenuto del progetto mi porta a ripetere un milione di volte, stile mantra, “non ci credo” – “non ci credo” – “non ci credo” – “non ci credo” tra lo sbigottito e una giusta dose di autocompiacimento per la serie “ve lo dicevo che era una figata e che ci sarebbe da fare un minibusiness solo su questo“.

Ho già velocemente buttato giù alcuni passaggi in virtù dei quali penso che l’idea e la comunicazione dei contenuti sia stata copiata.

Non mi rimane che porgermi alcuni quesiti che ti prego di aiutarmi a risolvere:

1- ma perchè invece di “fare finta di niente”, non hanno cercato una collaborazione così

a: spendevano meno di agenzia
b: non avendo più posto in Acetaia, gli mandavo i miei clienti
c: dove sta la propria “onestà intellettuale” quando si dice “è un’idea unica, originale“?

(penso che) il futuro non sia coltivare il proprio micro-orticello ma condividere.

2- in generale, come nei casi dei 2 prodotti testè citati, riconducibili alla fine più ad IDEE (nella fattispecie “ricette”) che a COSE INNOVATIVE (brevettabili), COME si ci può tutelare?
E’ proprio vero che non esiste nessun mezzo?

ps: come fanno altri (anche qui) non ho nessuna paura a mettere giù le mie idee o i progetti che sono ancora da sviluppare.
In particolare vorrei segnalare qualche idea nuova a chi volesse partire, una volta tanto, prima di noi e non copiare dopo:

– inizieremo batterie di Balsamico Tradizionale in Biodinamica. Nessuno l’ha mai fatto.

– la sferificazione del Balsamico. Qualcuno ci ha già pensato? Ah! vi dico subito che l’acidità potrebbe essere un problema

– il FiorDiSaba (questo è un marchio che potrebbe essere registrato) è un prodotto che un paio di anni fa ero pronto a far partire ma non ho trovato fornitori di petali di fiori adatti. Qualcuno vuol partire nel frattempo? Per fare prima consiglio di prendere le essenze di fiori che è meno complicato 🙂

pps: l’idea del Panettoncino al Balsamico NON l’abbiamo inventata noi! I primi, che io sappia e se non mi ricordo male, sono stati quelli di Fattoria Estense. Grazie per l’idea!