L’invenzione della Gioia – Piccolo reportage da dietro le quinte

Scritto 7 anni fa

Ore 14,45: circa 6 ore prima della presentazione.

Fettozza tostata di pane di Walter D’Ambrosio, scaglietta di Parmigiano Reggiano Montagnana Bio 34 mesi, goccia di Miele di sulla, fettina di Mela buona di Pomarius e scagliette di Cioccolata Passion Cocoa.

I vegetali, dal gusto dimenticato, di Pomarius incontrano il Miele di Andrea Paternoster.

Tarassaco di campo sbollentato e saltato con miele così come i pomodorini confittati.

Sandro inizia e tiene banco.

Non l’abbiamo mai visto così … “in banana” 🙂

La stanza era veramente gremita e noi dalle cucine non potevamo goderci la variegata presentazione perchè preoccupati di preparare cibarie a sufficienza.

VeganCocktail: verdure di Pomarius molto buone con vinaigrette (con emulsione “à la main” 🙂 di Balsamico San Giacomo e lo strepitoso olio di Leonardo Seghetti. Prima di uscire, finito con gocce di Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia bollino Aragosta (alla faccia eh!)

Andrea Paternoster, apicoltore nomade, impegnato ad “impiattare” il tarassaco.

Un evento sentito, atteso e di altissimo profilo. Chi è intervenuto rappresentava, al meglio, alcuni tra i più importanti settori della cultura.

Noi nel nostro piccolo abbiamo lavorato un pomeriggio intero in cambusa per poter esprimerci attraverso i nostri prodotti. Felicissimo di aver conosciuto i ragazzi dello staff di Porthos e Andrea di Pomarius, che …  “avercene botteghe di frutta e verdura così!”

Sandro, intervistato da Gianluca Nicoletti di Radio24 la mattina stessa (qui il podcast), ha sicuramente posto un Grand Canyon tra gli “altri” libri sul vino e il suo, IL libro sul vino per eccellenza.

Il fatto di essere citato e ringraziato nel libro, è un motivo di grande orgoglio.