China Food TV a far riprese in Acetaia

Scritto 4 anni fa

La settimana scorsa abbiamo avuto ospiti una troupe di China Food TV. E’ stata la prima volta che ospiti cinesi ci hanno fatto visita e il fatto che fossero venuti a testimoniare la nostra realtà, ha contribuito a gonfiare porticolarmente il nostro orgoglio. Abbiamo iniziato dalle vigne. Anzi, abbiamo iniziato con 4 ore di ritardo perché a Roma in stazione Termini da dove sono partiti, sono stati derubati di una borsa con relativi documenti etc.. Un po’ a mo’ comitato d’accoglienza insomma. Benvenuti in Italia quindi. Dicevamo, abbiamo iniziato dalle vigne. Riprese, fotografie, intervista nel fango. Ah si, il fango! ci siamo impantanati e, come se nulla fosse, tutti a spingere belli come il sole. E’ stata una bella iniziativa per creare subito un gruppo coeso IMG_6392 Siamo poi andati in acetaia per approfondire il più possibile, nel concreto, la restante filiera dell’ABTRE. La cottura del mosto ovviamente IMG_6425 E l’invecchiamento in batteria IMG_6399   La sera, sfidando spudoratamente il jet-lag dei poveri signori, tutti al Caffè Arti e Mestieri con lo Chef Gianni D’Amato. Alcune riprese e intervista allo chef   IMG_6404   IMG_6406 L’indomani mattina, godendo di una bellissima giornata di sole, caffè come si deve al Bar Roma in piazza a Novellara e, essendo giovedì giorno di mercato, giretto per la piazza con intervista al mitico Alessandro del Gourmet-Chicken-Truck.   IMG_6413 Via alla Latteria San Giovanni per riprese alla lavorazione del PR IMG_6416 ed ovviamente alle scalere   IMG_6418 Di nuovo in acetaia che, con una luce migliore rispetto al giorno prima, abbiamo finito le riprese   IMG_6421 Infine, prima di riportarli in stazione, un giro veloce in un prosciuttificio su Parma IMG_6446 e ritorno nel reggiano per visita con intervista al Gran Maestro della Confraternita dell’Aceto Balsamico Reggiano, il sig. Bagnacani. Tra l’altro la sede della Confraternita è un’incantevole torre delle vecchie mura del paese, dove tutt’ora è presente un orologio di circa 500 anni, funzionante e salvatosi dalla razzia di “metalli” del periodo bellico perchè molte parti fatte in legno. E’ uno spettacolo dai meccanismi meravigliosi. Non come la foto purtroppo. IMG_6455   In poco più di 24 ore ho provato a dare il più possibile uno spaccato del contesto in cui nasce l’ABTRE, indipendentemente dal fatto di raccontare la nostra storia. Vedremo cosa ci salterà fuori, è stata comunque una bell’esperienza. La Cina solo qualche anno fa era un territorio che pareva lontano anni luce da noi, non solo geograficamente, ma anche di testa. E invece siamo tutti qui.