Fienile in Fermento

twitter.com/andreabez

"These crazy Italians were deliberately miscolouring various familiar foods in order to discombobulate their dinn... amzn.eu/beYlCun

Circa 6 mesi fa

acetaia san giacomo

VinixLive #14 + BWD a Novellara

Scritto 6 anni fa

Questa è in realtà la locandina di tutto il luuuuuungo week end di svago in quel di Novellara city. Piazza Unità d’Italia per l’esattezza. Antico Bar Roma, ancora più precisamente.

Il programma, molto sintetico, della giornata del VinixLive#14 è invece qui sotto o, ovviamente, sul calendario permanente di Vinix.

I Re Magi delle rifermentazioni naturali, e tante belle bollicine emiliane, vi aspettano a braccia aperte.

BAR ROMA & ACETAIA SAN GIACOMO

NOVELLARA – SABATO 26 MAGGIO 2012

DALLE ORE 15.00

al Bar Roma – Piazza Unità d’Italia

VINIXLIVE #14

Le Rifermentazioni Naturali del Lambrusco

AZ. AGR. CINQUECAMPI

AZ. AGR. CORTE PAGLIARE VERDIERI

CANTINE STORCHI

AZ. AGR. CASALPRIORE

AZ. AGR. MAZZI E TASSELLI

AZ. AGR. VITTORIO GRAZIANO

ACETAIA SAN GIACOMO

+

BWD

Baratto Wine Day: porta una o più bottiglie e barattale con altre

a seguire

ore 20.30

CENA

su prenotazione: info (at ) acetaiasangiacomo.com

Costo del VinixLive + BWD: 5,00 Euro + 5,00 Cauzione Bicchiere

Cena 20,00 Euro

Vinix Lab #3 all’Acetaia San Giacomo

Scritto 7 anni fa

Venerdì 11 e sabato 12 novembre siamo lieti di ospitare la terza sessione del Vinix Lab.

Per sapere cosa è un Vinix Lab Academy si prega di dare un’occhiata qui.

La partecipazione, che sentitamente e profondamente caldeggio, può essere completa o “parziale”.

Su EventBride si può infatti aderire in modo full, solo teoria o teoria+cena. Ehm… non si può venire solo per cena eh! 🙂

L’Acetaia San Giacomo è qui. Vi aspettiamo.

#colfondo2 in Acetaia – sabato 26 febbraio

Scritto 8 anni fa

Anche gli amici di Porthos ne parlarono, in tempi non sospetti, come un vino che, anche “dimenticato” (in cantina) può sorprendere a scapito delle eno-dicerie (“il prosecco si deve bere nell’annata!“).

Sabato 26 febbraio, un consesso di produttori, degustatori, operatori, giornalisti, capi di stato in fuga etc… si riunirà a casa nostra, per l’operazione segreta #colfondo2 .

Un numero chiuso voluto per gestire meglio la cosa, 6 campioni di “prosecco col fondo” in assaggio, zone Conegliano, Piave ed Asolo, prima alla cieca e poi scoperti con spiega dei produttori.

Discussioni e confronti.

Finisce tutto con tortellata e risottata imperiale.

Grazie mille al Vate Stefano Caffarri (il suo blog, è da seguire! cavoli!) e al colfondista Luca Ferrero di Bele Casel, per aver scelto come zona franca per questo eventone la nostra Acetaia.

Più rifermentazioni in bottiglia per tutti!

L’invenzione della Gioia – Piccolo reportage da dietro le quinte

Scritto 8 anni fa

Ore 14,45: circa 6 ore prima della presentazione.

Fettozza tostata di pane di Walter D’Ambrosio, scaglietta di Parmigiano Reggiano Montagnana Bio 34 mesi, goccia di Miele di sulla, fettina di Mela buona di Pomarius e scagliette di Cioccolata Passion Cocoa.

I vegetali, dal gusto dimenticato, di Pomarius incontrano il Miele di Andrea Paternoster.

Tarassaco di campo sbollentato e saltato con miele così come i pomodorini confittati.

Sandro inizia e tiene banco.

Non l’abbiamo mai visto così … “in banana” 🙂

La stanza era veramente gremita e noi dalle cucine non potevamo goderci la variegata presentazione perchè preoccupati di preparare cibarie a sufficienza.

VeganCocktail: verdure di Pomarius molto buone con vinaigrette (con emulsione “à la main” 🙂 di Balsamico San Giacomo e lo strepitoso olio di Leonardo Seghetti. Prima di uscire, finito con gocce di Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia bollino Aragosta (alla faccia eh!)

Andrea Paternoster, apicoltore nomade, impegnato ad “impiattare” il tarassaco.

Un evento sentito, atteso e di altissimo profilo. Chi è intervenuto rappresentava, al meglio, alcuni tra i più importanti settori della cultura.

Noi nel nostro piccolo abbiamo lavorato un pomeriggio intero in cambusa per poter esprimerci attraverso i nostri prodotti. Felicissimo di aver conosciuto i ragazzi dello staff di Porthos e Andrea di Pomarius, che …  “avercene botteghe di frutta e verdura così!”

Sandro, intervistato da Gianluca Nicoletti di Radio24 la mattina stessa (qui il podcast), ha sicuramente posto un Grand Canyon tra gli “altri” libri sul vino e il suo, IL libro sul vino per eccellenza.

Il fatto di essere citato e ringraziato nel libro, è un motivo di grande orgoglio.

VinixLive! 5 – sabato 22 maggio in acetaia il winefestival piu’ piccolo del mondo

Scritto 9 anni fa

Sabato 22 maggio è una data da segnarsi per bene e, possibilmente, da non prendersi impegni.

Per via del Wordcamp di Milano mi direte voi. Non solo.

Non sarà per via della finale scempions lig ver? Non solo.

Allora sarà sicuramente per la “Notte del Salame” di Campagnola Emilia. Non solo,

Ma vuoi che sia per “A testa in Giù” a Reggio Emilia? Si, ma questo è la mattina…

Per chi non è smanettone, per chi non è football addicted, per chi non è amante del salame, sabato 22 maggio, dalle 15 all 19 si svolgerà il 5° VinixLive! della storia.

(copio-incollo sotto dalle news del sito dell’Acetaia)

Che cos’è un VinixLive! lo potete vedere qui.

In buona sostanza si tratta di una giornata (pomeriggio) in cui tanti piccoli produttori di vino (nel nostro caso 11) e qualcuno di cibo (5) si riuniscono in un ameno luogo (l’Acetaia San Giacomo) e si rendono disponibil a far assaggiare i loro vini, presentandosi di persona, interagendo con gli ospiti, scambiando due chiacchere in un ambiente informale.

E’ possibile inoltre acquistare i vini che i vignaioli porteranno a “prezzo sorgente”, come se andaste a comprarli in cantina insomma.

Se a questo si aggiunge che durante tutto il pomeriggio è attivo il Baratto Wine Day (vieni e baratti le tue bottiglie di vino con altre che ti interessano presenti sul “tavolo del baratto”), che c’e’ un seminario su “I vini biodinamici” tenuto da Leonello Anello, che c’è una cena agreste e la possibilità, il giorno dopo, di andare a fare un brunch a Il Rigoletto, allora direi che possiamo dire a pieno titolo che è un week end imperdibile! 🙂

Il programma completo è qui.

Qui sotto la sintesi:

Dove:
ACETAIA SAN GIACOMO
Strada Pennella,1 – Novellara (RE) –
T. & F. +39.(0)522.651197
http://www.acetaiasangiacomo.com
Per info: lagrandeabbuffatablog@gmail.com

Quando:
Sabato 22 Maggio 2010 e Domenica 23 maggio 2010

Cosa:

Sabato:
Vinix Live! Classic dalle 14,30 alle 19.00 + BWD (Baratto Wine Day II ed.)
Dalle 19 alle 20 circa: Seminario di Leonello anello su “I Vini Biodinamici – L’infallibile perfezione della fermentazione spontanea”
Dalle 20 cena emiliana (solo su prenotazione)
Dopocena Relax con angolo sigari, distillati e cioccolata + incontro con il Mistero

Domenica:
visita alla produzione di Parmigiano Reggiano (solo su prenotazione)
brunch al ristorante Il RIgoletto (solo su prenotazione

Ovviamente si è liberi di partecipare a tutto così come solo ad una parte di programma. Venire ad assaggiare due o tre vini buoni e andare a casa per la partita, odiare la partita e stare a mangiare fuori parlando con persone che, di sicuro, di calcio non ne vogliono parlare. Venire solo per il brunch della domenica mattina che, a spanne, non dovrebbe proprio essere male 🙂

Prenotazioni importantissime qui o lagrandeabbuffatablog@gmail.com

Grazie!

Cose futili ma indimenticabili del 2009 e un pizzico di 2010

Scritto 9 anni fa

Ci sono esperienze che, oltre al divertimento che offrono nel loro divenire, si riflettono principalmente sulla tua componente “esterna” , on-line potremmo chiamarla la reputazione digitale, altre che invece ti lasciano intime soddisfazioni e lavorano “dentro”.

Qui una miscellanea di cose belle accadute durante il 2009 che lavorano dentro e/o fuori:

1) GLI APICOLTORI SCOZZESI E LA MAGNIFICA SCOZIA

Checciazzecca il miele, gli apicoltori scozzesi con il Balsamico?
In sintesi la storia è che ho accompagnato quell’apicoltore nomade di Andrea Paternoster di Mieli Thun che sta lavorando al suo progetto chiamato Honey Park, per un’assistenza “linguistica” e “tecnica” (foto/video).

Tre giorni intensi ed affascinanti tra le Highlands Scozzesi, tra riserve private di cui gli apicoltori detengono da generazioni “le chivi”, e luoghi incontaminati vivendo le emozioni del contatto di quel microcosmo che è l’Ape.

Si, quel morbido Teddy Bear sulla destra sono io 🙂

Un’esperienza Apica 🙂 un vero e proprio privilegio per il quale ringrazio ancora una volta Andrea.

Qualche bel video è già su Honey Park.

2) DEGUSTAZIONE AL TRUSSARDI CAFFE’

Non aggiungo niente al già completo post di Claudio su Altissimo Ceto (più le mie considerazioni).
Location di altissimo livello, astanti pure, prestazioni interpretative degli attori, non da meno.

3) EVENTO VOIELLO WEB QB

Beh per questa chicca devo sicuramente ringraziare i ragazzi di Hagakure, bravissimi nel loro lavoro, e un grazie alla neomamma Sara.

Qui si è visto cosa accade quando dietro c’è un’azienda con i contro-testicoli e le idee chiare di chi si occupa della comunicazione.

Lasciamo stare la vittoria (sempre positiva per il proprio ego) strappata, pare!, per un solo voto alla squadra avversaria, quello di cui bisogna parlare qui è di un evento ben organizzato nei contenuti e nella realizzazione.

Questa micro rassegna stampa
Espresso/Repubblica web
Rai 3 TgNeapolis (minuto 7:30)
può forse essere sufficiente per dire che l’evento è andato bene.

Qui le ricette della serata, le belle foto di Ialla e il filmino completo, mettetevi lì una serata e fatevi due risate – non fate caso alle parolacce scappate nella concitata cucina 🙂

4) TWITTER DINNER IN ACETAIA
(con inaugurazione del percorso installativo-didattico artistico)

Possiamo dirlo con cognizione di causa. Hanno partecipato da tutt’Italia! Grazie per essere venuti fin qui e aver dimostrato che in Real Life è più bello che dietro una tastiera.
Acetaia 1
IMG_4547

La città è splendida (col caldo!) e ho instaurato un rapporto preferenziale con lo Chef Tony Mantuano e la neo executive Chef Sarah Gruenenberg di Spiaggia e di Terzo Piano. Rapporti professionali ed umani dal peso specifico enorme grazie al privilegio di essere “staffetta” della Tradizione del Balsamico.

6) LA NOUVELLE VAGUE DEL LAMBRUSCO (ultima della lista solo per caso)

“Partita” per caso e per passione, come tutte le cose più belle. Spero che questa rinascita dei Lambruschi e l’entusiasmo che porta con sè, cresca come la fermentazione spontanea che rende uniche e regala emozioni attraverso le bollicine che amiano.
Qui il punto della situazione di questo percorso.

—-
Bene.
Il 2010 si apre invece con questo servizio di Linea Verde su Rai 1

Lo considero un punto d’arrivo quasi come un “consolidamento” e un conferire “legittimità” agli sforzi fatti fino a qui.
Un servizio televisivo che parla di te per le scelte di vita fa un pò specie diciamo.
E’ buono per il tuo ego, ma forse crea “aspettativa” per ciò che ha da venire.
Quest’anno sarà un anno di cambiamenti ciclopici, personali e lavorativi.
Mi preparo a tutto, anche a ricominciare da zero.

Porthos in Acetaia: “Lo Champagne, al naturale. La magia del metodo e la forza del terroir”

Scritto 9 anni fa

Giovedì 28 maggio si è tentua in Acetaia (nella sua stalla per l’esattezza) l’attesa serata sullo Champagne. Vino-mito che, come ho ricordato in apertura di serata, è secondo solo al lambrusco 🙂

Mattatore della serata è stato Sandro Sangiorgi.
Peccato aver avuto i soliti problemi di connessione altrimenti avrei fatto uno streaming in diretta.

Premio speciale della giuria a tutti quelli venuti da lontano. Pensare che c’era una coppia di signori da Colico … presente dov’è e quanto dista da noi??!?!? E’ proprio vero che per farle le cose, bisogna volerle!

Qui Sandro serve con un bel sorriso, uno dei vini resi anonimi per evitare condizionamenti.


I partecipanti alla serata, come al solito da applaudire perchè si sanno adattare al meglio ad una stanza che dell’aula didattica ha poco a che vedere.



Lui è un vero comunicatore, sapevatelo!



Qui il servizio della “trasversale” di Parmigiano Reggiano da abbinare agli Champagne.
In serie: 15 mesi e 24 mesi da Vacca Rossa del relativo Consorzio, 30 mesi del Caseificio Biopiù di Pegognaga (Mn), 60 mesi della latteria Montagnana Bio delle montagne di Parma.


Ed infine, come regalo per tutti quelli che hanno partecipato, due gocce sulla mano di Balsamico Extra-vecchio bollino Oro da 314 punti … una roba da strabuzzare le papille e da cresta di dinosauro sulla schiena 🙂


Che poi, giusto per chi non lo sapesse, assaggiarlo sulla mano è una di quelle cose che va fatta almeno una volta nella vita. C’e’ infatti una sorta di “cucchiaio naturale” nell’incavo tra pollice ed indice. Il calore della pelle aiuta molto a tirare fuori gli aromi … un gesto da feticisti del Balsamico praticamente.


In chiusura, l’elenco dei vini assaggiati:

1- Champagne “Entre Ciel et Terre” Brut – Francois Bedel
2- Champagne Le Nombre d’Or “Campaniae veteres vites” brut 2002 – L. Aubry
3- Champagne Mineral Extra-Brut Blanc de Blancs Grand Cru 2002 – Agrapart et Fils
4- Champagne Premier Cru L’Apotre Chardonnay Extra Brut di David Leclapart
5- Champagne Grand Cru “Avize” Brut 2000 – Jacquesson
6- Champagne Reserve Grand Cru 100% Blanc de Pinot Noir Brut 1999 – André Beaufort
7- Champagne Petraea XCVII – XXIV Brut – Raymond Boulard

Che dire, una bella sfilza di “bollicine” da ascoltare e contemplare. Peccato che l’evento fosse a casa mia, non mi sono assolutamente goduto la serata, impegnato nell’organizzazione e per far sì che tutto andasse per il meglio.

C’è stato anche un vino n. 8. Che, manco a farlo apposta, era un bel lambrusco, quello di Vanni di Cinquecampi.

Giusto per completezza, la serata dopo, venerdì, Sandro era a La Stoppa di Piacenza per una serata sui vini naturali. Lì ci sono andato e me la sono pure goduta! 🙂

Thanks to Ryan for the pictures!